FAMILY BUY-OUT: MODELLI, VANTAGGI, CRITICITÀ SUCCESSORIE DALLA SUCCESSIONE MORTIS CAUSA NELL’AZIENDA DI FAMIGLIA ALL’ACCESS TO RISK FINANCE - ROVIGO, 8 NOVEMBRE 2019

| Altri corsi, convegni e iniziative Venerdì 08 novembre 2019, ore 14.00 – 18.00 Aula Magna C.U.R. V.le Porta Adige 45, Rovigo. ________ FAMILY BUY-OUT: MODELLI, VANTAGGI, CRITICITÀ SUCCESSORIE DALLA SUCCESSIONE MORTIS CAUSA NELL’AZIENDA DI FAMIGLIA ALL’ACCESS TO RISK FINANCE Saluti Prof.

Niente assegno divorzile per l’ex coniuge che si licenzia

31 OTTOBRE 2019 IL CASO. All’esito del giudizio di divorzio tra Tizio e Caia, il Tribunale di Verbania aveva affidato al padre i due figli, posto a carico della madre un contributo mensile di € 200 per il loro mantenimento, e previsto in favore della moglie un assegno divorzile di pari importo.

Sono revocabili fondo patrimoniale e trust familiare?

Con l’ordinanza n. 25423/2019, la Corte di Cassazione ha ribadito il principio per cui la costituzione del fondo patrimoniale per fronteggiare i bisogni della famiglia, anche se compiuta da entrambi i coniugi, è atto a titolo gratuito e come tale soggetto ad azione revocatoria. 31 OTTOBRE 2019

Corte di Giustizia dell'Unione Europea: le tutele della lavoratrice autonoma che cessa l'attività per la nascita del figlio

Con la sentenza n. c-544/18 del 19 settembre 2019 la Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha chiarito che anche alle madri lavoratrici autonome – onde evitare una disparità di trattamento con le lavoratrici subordinate – deve essere riconosciuto il diritto di conservare la qualità di persona che esercita attività autonoma, con le relative tutele, purchè riprendano tale attività o trovino un’altra attività autonoma o un impiego entro un periodo ragionevole dalla nascita del figlio. 31 OTTOBRE 2019

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che non vi è decadenza dai benefici “prima casa” quando il trasferimento infraquinquennale a terzi avviene all’interno degli accordi di separazione o divorzio

Con la risoluzione n. 80/E del 9 settembre 2019, l’Agenzia delle Entrate ha affrontato, ancora una volta, il quesito diretto a chiarire se la cessione infraquinquennale a terzi di un immobile acquistato con i benefici “prima casa”, in esecuzione della clausola di un accordo di separazione o di divorzio, comporti la decadenza dalle agevolazioni fiscali, qualora entro l’anno dalla alienazione non si proceda all’acquisto di un nuovo immobile da destinare ad abitazione principale. 31 OTTOBRE 2019